Un aiuto per chi soffre di narcolessia

La narcolessia è una patologia la cui causa non è ancora nota con precisione. Si manifesta con un’eccessiva sonnolenza durante le ore diurne, associata ad altri disturbi correlati, quali possono essere la paralisi del sonno, le allucinazioni e la cataplessia anche in fase sveglia.

Un soggetto che soffre di narcolessia si trova a vivere una situazione di disagio oltre che di rischio, sia a causa delle ricorrenti crisi di sonno durante il giorno, delle quali spesso arriva a vergognarsi, sia per un sonno notturno molto disturbato e frammentato.

È quindi molto importante per chi soffre di questa patologia, riconoscere fin da subito i sintomi, rivolgersi al proprio medico di fiducia e soprattutto imparare a convivere con questo problema e a gestirlo con efficacia.

Questa malattia è ancora in parte sconosciuta, e chi ne soffre deve sottoporsi spesso a indagini e controlli che permettano di verificare le variazioni del sonno e di ricevere maggiori informazioni. Tuttavia, per affrontare e superare con successo quella che è una situazione comunque molto difficile, è importante essere consapevoli dei propri limiti e ricostruire la propria vita con le dovute precauzioni e attenzioni.

Un blog per chi soffre di narcolessia

Per superare con successo il problema della narcolessia, è importante confrontarsi con le altre persone che soffrono di questo disturbo, che molto spesso tende ad attenuarsi e a scomparire spontaneamente.

È importante, non appena ci sia il sospetto di soffrire di questa patologia, parlarne immediatamente con il medico e sottoporsi ai vari accertamenti, poiché la diagnosi precisa viene resa nota dopo diversi anni, escludendo ogni altra possibile causa di attacchi di sonno, incubi e paralisi notturna. Lo studio delle malattie del sonno in Italia non è ancora del tutto approfondito, e non è raro che la narcolessia venga confusa con altre patologie neuropsichiatriche, dalla schizofrenia, ai disturbi bipolari, a varie forme di depressione o altro.

Per tale ragione, è indispensabile la consulenza medica così come il confronto con gli altri pazienti.

Back to Top